Giuggiole

Varie



Testo Francesca Bettini
Regia Giulio Molnar
con Stefano Andreoli e Elena Gaffuri
Suoni Andrea Bernasconi

Produzione Teatro Città Murata di Como

"Buongiorno, questo spettacolo è dedicato a mio zio Oliver, che ha
passato tutta la vita a far ridere gli altri. Di lui mi sono rimaste alcune
esilaranti invenzioni e la voglia di ballare il tip tap. Mentre
innaffiavo il mio albero di Giuggiole è caduto dal cielo un piccolo
essere dai grandi occhi e dalle bianche ali aggrappato ad una stella.
Non sa parlare, non sa camminare, non sa fare niente. E’ venuto
per farmi girare la testa, ma io sono testardo e non mi lascio intimidire,
in poco tempo mi ha insegnato soprattutto che per volare
non sempre servono le ali. Che sia l’angelo custode del mio amatissimo
zio Oliver? Lo spettacolo parla di angeli forse, di umani e
di stelle, di pesantezza e lievità. "Le Giuggiole", noto anche come
l’albero dell’infanzia, ci accompagna in un percorso di iniziazione
alla vita, fatta di piccoli ostacoli ma anche di tanta voglia di librarsi
nell’aria senza ali.

Ingresso 10 Euro

I commenti sono chiusi

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, archivio.teatrosocialecomo.it utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi